• Casa di Cura Santa Famiglia Roma
  • Casa di Cura Santa Famiglia Roma
  • Casa di Cura Santa Famiglia Roma

Partorire in Santa Famiglia

L'umanizzazione della medicina, ed in particolare nel nostro caso dell'evento parto, rappresenta uno dei principali traguardi dell'epoca attuale. Nelle sale parto della clinica Santa Famiglia seguiamo le raccomandazioni dell'OMS sul parto fisiologico, cercando di coniugare al meglio una quanto piu' possibile dimensione umana dell'evento parto con una assistenza che garantisca la massima sicurezza della mamma e del nascituro.
Cio' si traduce in una assistenza che rispettando quanto piu' possibile il desiderio della donna si proponga di non medicalizzare, quando non necessario, le diverse fasi del parto. Nelle nostre sale parto la protagonista e' la donna, assistita dal proprio partner (o da altra persona di sua fiducia) che puo' partecipare a tutte le diverse fasi del travaglio (sia in camera che in sala parto). La donna potra' camminare durante il travaglio, avvalersi o meno dell'anestesia peridurale, e scegliere la posizione piu' congeniale per il parto (salvo diversa indicazione da parte del personale sanitario in casi selezionati).
Le nostre sale parto sono infatti tutte dotate di ampi spazi, palla per il travaglio, sgabello olandese, corda et. Non e' assolutamente praticata in via sistematica l'episiotomia, ma solo nei casi in cui venga ritenuta necessaria. Il neonato che sta bene viene messo a contatto pelle a pelle con la mamma non appena possibile. Se le condizioni lo permettono si pratica tale contatto immediatamente alla nascita, con il cordone pulsante ancora attaccato alla placenta.
E' possibile pertanto attaccare al seno il bimbo gia' in sala parto, secondo le linee guide dell'OMS per un corretto avvio dell'allattamento al seno. Nella maggior parte dei casi il futuro papa' puo' assistere la compagna anche durante il cesareo. Anche in caso di cesareo sara' possibile se il bimbo sta bene attaccarlo al seno nei minuti successivi alla fine dell'intervento, ancora prima che la mamma (e il bimbo) sia riportata in camera.


Condividi su Facebook

foto-tour

il parto e...